Organismi

Circolo DIPENDENTI SANITA’ – Parma

Il Circolo è un centro di vita associativa, autonomo, pluralista, apartitico, asindacale a carattere volontario e democratico. Non persegue fini di lucro. (Art.1 Statuto)

Il Circolo aderisce all’ARCI, di cui adotta la tessera associativa nazionale, conservando però autonomia programmatica ed amministrativa. (Art.2 Statuto)

Lo scopo principale del Circolo è quello di promuovere attività culturali, artistiche, turistiche, ricreative e sportive, contribuendo in tal modo alla crescita culturale e civile dei propri Soci e ad una più completa formazione umana e sociale. (Art.3 Statuto)

Sono organismi del Circolo:

L’Assemblea dei Soci
Il Consiglio Direttivo
Il Presidente
Il Collegio dei Sindaci

Le cariche associative sono completamente gratuite e saranno rimborsate le sole spese inerenti l’incarico.

Le elezioni per il rinnovo delle cariche hanno luogo ogni tre anni e saranno tenute di norma, a scrutinio segreto. Possono essere candidati all’elezione degli Organi Sociali i Soci del Circolo che abbiano almeno un anno di iscrizione al Circolo.

L’Assemblea è l’Organismo sovrano del Circolo ed è costituita da tutti i Soci regolarmente iscritti nell’elenco Soci.

Le Assemblee dei soci possono essere ordinarie e straordinarie.

L’Assemblea ordinaria è convocata con avviso esposto in bacheca presso la Sede del Circolo per almeno 15 giorni prima della data fissata. E’ convocata di regola una volta all’anno dal Presidente su delibera del Consiglio Direttivo.

Approva le linee generali del programma di attività per l’anno sociale;
Approva il bilancio consuntivo e preventivo;
Delibera su tutte le questioni attinenti alla gestione sociale;
Delibera sulle modifiche da apportare allo Statuto

Negli anni in cui occorre rinnovare le Cariche sociali elegge la Commissione elettorale per l’elezione del Consiglio Direttivo e il Collegio dei Revisori. (Art.17 Statuto)

L’Assemblea straordinaria è convocata o con avviso esposto presso la sede del Circolo o con avviso scritto inviato al domicilio del socio. (Art.16 Statuto)

L’Assemblea straordinaria convocata su un ordine del giorno prefissato

Tutte le volte che il Consiglio Direttivo lo reputi necessario

Allorché ne faccia richiesta motivata almeno un 1/5 dei soci.

L’Assemblea dovrà avere luogo 20 giorni dalla data di richiesta. E’ onere di chi la richiede provvedere alla divulgazione degli avvisi previsti (Art.18 Statuto)

Il Consiglio Direttivo

E’ composto da 13 Consiglieri eletti fra i Soci che ne hanno diritto. Il Consiglio Direttivo resta in carica 3 anni e i suoi membri sono rieleggibili (Art.23 Statuto)

Nomina al suo interno il Presidente, i Vice-Presidenti, il Tesoriere e il Segretario.

Fissa le responsabilità degli altri Consiglieri in ordine alle attività svolte dal Circolo per il conseguimento dei propri fini sociali. (Art.24 Statuto)

Il Consiglio Direttivo si riunisce ordinariamente ogni mese e straordinariamente ogni qualvolta lo ritenga necessario il Presidente o ne faccia richiesta 1/3 dei Consiglieri.

Le sedute del Consiglio Direttivo non sono pubbliche. Le deliberazioni del Consiglio Direttivo, riportate a cura del Segretario, sono trascritte sul libro verbali. Tutti i soci che ne facciano richiesta hanno diritto a ricevere gli estratti delle riunioni che riportano le decisioni assunte. (Art.25 Statuto)

Il Consiglio Direttivo assume la direzione e l’Amministrazione del Circolo ed è investito di tutti i poteri di ordinaria e straordinaria amministrazione della stessa che non siano espressamente riservati all’Assemblea (Art.27 Statuto)

Presidente

Il Presidente ha la rappresentanza e la firma sociale e presiede il Consiglio Direttivo. In caso di assenza o impedimento del Presidente tutte le sue mansioni spettano al Vice-Presidente più anziano.

Può, in casi di urgenza, assumere opportuni provvedimenti anche di normale competenza del Consiglio Direttivo, che dovranno essere sottoposti a ratifica dello stesso nella prima riunione ordinaria. (Art.28 Statuto)

Collegio dei Sindaci Revisori

E’ composto da tre membri effettivi e due supplenti eletti a scrutinio segreto preferibilmente fra i Soci.

Resta in carica tre anni e i suoi membri sono rieleggibili.

Il Collegio dei Revisori verifica la regolare tenuta della contabilità e dà pareri sui bilanci da presentare all’Assemblea. Ove lo ritenga necessario, allega al bilancio una propria relazione.

L’incarico di revisore è incompatibile con la carica di Consigliere.

I Revisori dei Conti partecipano di diritto alle riunioni del Consiglio Direttivo con facoltà di parola, ma senza diritto di voto (Art.29 Statuto)

(Estratto dello Statuto – Regolamento marzo 2005)

 

Promuovere attività culturali, artistiche. turistiche, ricreative e sportive per contribuire alla crescita culturale e civile dei propri soci.